Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

20 maggio 2009

Quasi quasi voto Berlusconi

Silvio Berlusconi, dopo aver conseguito nel gennaio 2008 l’obiettivo di costringere Prodi alla ritirata e la convocazione di nuove elezioni, ha compiuto numerosi errori che abbiamo puntualmente evidenziato e qui riassumiamo velocemente:
- aver preferito Fini (che ora gli rema contro) alla vera Destra
- aver dato spazio ad elementi radicali che nulla hanno a che vedere con il Centro Destra
- preteso il “voto utile”
- salvato Alitalia dal fallimento
- rinunciato, cedendo ai ricatti dei radicalfiniani, al decreto sulla alimentazione agli infermi
- rinunciato, sempre a seguito del ricatto dei radicalfiniani emerso con la famosa “lettera dei 102”, alle parti più qualificanti del decreto sicurezza, disarmando le Ronde e impedendo la modifica della norma che vieta a medici e presidi di denunciare i clandestini;
- partecipato dopo quindici anni, dandovi quindi lustro e prestigio, alle liturgie del 25 aprile, rinnovando gli odi invece di contribuire a porre una pietra tombale sulla sconfitta dell’Italia nella seconda guerra mondiale.

Sono tutti errori gravi che allontanano da lui simpatie di quanti potrebbero invece essergli i più coesi sostenitori.
Berlusconi ha, però, dei formidabili alleati.
Sono i leaders del pci/pds/ds/pd che, in mancanza di idee e di progetti, non sanno fare altro che attaccarlo sul piano personale, rendendolo quindi più gradito e simpatico di quel che sarebbe in realtà ma, soprattutto, i suoi alleati sono i magistrati militanti che lo stanno martirizzando da quindici anni.
Quando andavo all’università un consiglio da noi utilizzato alla bisogna era: se ti chiedono qualcosa che non sai, non fare scena muta, ma sommergi la commissione di parole.
Ecco, a questo ho pensato delle 300 pagine delle motivazioni della sentenza sul caso Mills.
Poi leggo quei brevi estratti che ho trovato sulla stampa e vedo che le “motivazioni” sono la storia di tutte le azioni giudiziarie invano intraprese contro Berlusconi.
Non c’è la prova che Berlusconi abbia consegnato denaro all’avvocato inglese per addomesticare una testimonianza.
Solo … teoremi, i classici teoremi di borrelliana memoria.
Berlusconi ha reagito da par suo, dichiarando che avrebbe detto quel che pensava dei giudici militanti in parlamento.
Mi auguro che faccia seguire alle parole i fatti e che la sua giustificata rabbia trovi lo sbocco naturale di una rivoluzionaria riforma della giustizia.
Con i pubblici ministeri eletti dal Popolo e con i giudici, ben separati da quelli, nominati in base a meriti professionali, esperienza, dottrina e non per semplice concorso.
Se così fosse, nonostante gli errori (che sono orrori e restano !), nonostante i radicalfiniani e i “102” pro immigrati, che non hanno nulla a che spartire con il Popolo della Destra e del Centro Destraquasi … quasi … voto Berlusconi !

Entra ne

3 commenti:

unedame ha detto...

ehehehe Massimo,
pure io che volevo comunque votare la Lega...Ne abbiamo fin sopra i capelli di questi giudici marcioni.
I comportamenti dei giudici come la Gandus in Canada sono inconcepibili.

Massimo ha detto...

Il mio timore, cara Lontana, è di dare il mio voto a Berlusconi sperando in un repulisti generale per avere finalmente una giustizia con la "G" maiuscola e poi, dopo le elezioni, tutto torna invece come prima. Timore aggravato dal condizionamento che Fini e i radicali nel pdl stanno esercitando in modo così pervicace e nefasto.
In sostanza: Berlusconi merita il voto, ma è circondato da persone cui non affiderei la mia bicicletta forata.

Monica ha detto...

Come scrivevo altrove, mi chiedo dove la mente-Gandus abbia trovato nel Codice penale che il reato di corruzione abbia inizio dall'uso del bene (denaro nel caso) e non dal suo percepimento indebito.

Se non si fosse applicata tale astrusa formula il reato sarebbe prescritto.

La legge è uguale per tutti meno che per Berlusca...ossia vale il contra-personam.

Salutoni Max