Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

13 agosto 2011

Adesso Berlusconi è politicamente morto

Sono senza parole.
E non perché mi manchino, ma perché sarebbero tutte volgari ed offensive.
E non potrebbero essere altrimenti nei confronti di ministri e dirigenti dei partiti del Centro Destra che promuovono una manovra contraria agli interessi dei loro elettori quando, limitandosi ai tagli, senza metterci le mani in tasca, avrebbero potuto tagliare le unghie esclusivamente al bacino elettorale di sinistra invece di far male agli amici, elettori del Centro Destra.
Ed è inutile che il cuore di Berlusconi grondi sangue, perché la frittata è fatta.
Hanno imposto una maggior tassazione sui risparmi, una patrimoniale mascherata da contributo di solidarietà (ma solidarietà con chi ? Con i parassiti che da sempre sfruttano il bilancio pubblico per conservare e incrementare i propri privilegi ?) imposto ai “più ricchi”, come se un reddito di 90mila euro lordi, cioè 4mila netti al mese, fosse da “ricchi” e che, come in passato, finirà per essere estesa anche ai redditi (ricchi anche quelli ?) di trenta e quaranta mila euro lordi, cioè 1500-2000 netti al mese.
Incomprensibile poi l’isteria leghista nei confronti delle pensioni di anzianità.
Tutti a 65 anni da subito sarebbe stata la mossa vincente per evitare la maggior parte delle tasse che violano il patto elettorale e i proclami fino ad oggi diffusi dal Centro Destra.
Poi poteva essere realizzato un risparmio con la soppressione di tutte le elargizioni a giornali, stampa in genere, cinema e la privatizzazione della rai che avrebbe portato anche il beneficio della abolizione dell’odioso canone.
E che dire, poi, della ulteriore azione di spionaggio fiscale con la “tracciabilità” che viene applicata alla cifra ridicola di 2.500 euro ?
Ma perché, poi, non posso pagare in contanti, se mi “tira”, anche un appartamento ?
Perché deve essere lo stato a dirmi come devo pagare ?
E se io preferissi tenermi i soldi sotto il materasso perché non voglio far sapere, neppure in banca, quanto posseggo ?
Mi obbligano a sottopormi a tutta la burocrazia ed i controlli necessari all’apertura di un rapporto bancario ?
Il fisco, le tasse, sono un autentico impedimento alla manifestazione e realizzazione della Libertà individuale e il Governo Berlusconi è doppiamente colpevole.
Colpevole perché aumenta le tasse e i controlli fiscali.
Colpevole perché essendo di Centro Destra avrebbe dovuto, secondo natura, agire esattamente al contrario.
Poi è vero che gli altri farebbero di peggio e di più, ci avrebbero messo le mani in tasca molto prima e con molta più pesantezza e aumentato la spesa pubblica pensando di poter attingere all’infinito dai nostri redditi, risparmi e patrimoni per coprire le spese clientelari.
E’ vero che colpisce anche qualche bacino elettorale della sinistra (come i dipendenti pubblici).
E’ vero che prende il coraggioso provvedimento di spostare alla domenica le liturgie per il 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno, con ciò rivalutando il 4 novembre, ma anche le celebrazioni private di altre date come il 28 ottobre.
Ma tutto ciò non può essere sufficiente ad assolvere Berlusconi e chi è stato suo complice nella stesura e approvazione della manovra, con la speranza che la approvazione si limitata al governo e invece trovi bocciatura in parlamento da parte di deputati e senatori in possesso di coscienza liberale.
Come già per la manovra di luglio, avrei preferito che Berlusconi cadesse, come Custer a Little Big Horn, impugnando il vessillo della Libertà.
Avrei preferito che si presentasse in consiglio dei ministri sfiduciando Tremonti, affidandosi a Martino e presentando un piano di soli tagli alle spese, deciso sulle pensioni, di dismissioni e privatizzazioni e di riduzione delle tasse, dicendo: se vi sta bene votatelo, sennò sfiduciami in aula.
Purtroppo anche Berlusconi ha dovuto fare i conti con le pressioni (basta vedere la canea di Formigoni e Alemanno: da quelli di sinistra ce la si poteva aspettare a prescindere, ma da due che devono l’elezione a Berlusconi …) e con pessimi consiglieri moderati.
Cosa accadrà ?
Che ognuno dovrà arrangiarsi per salvaguardare, il più possibile, i suoi risparmi e il suo patrimonio.
E farà solo bene.
In politica Berlusconi è ormai defunto.
Non si vede alcun nuovo Berlusconi all’orizzonte e, allora, si può solo auspicare che stia crescendo all’ombra, come all’ombra, in America, sono cresciuti i Tea Party che hanno messo nel sacco l’amministrazione democratica.


Entra ne

1 commento:

Giovanni ha detto...

Veramente i TEA Party non hanno messo nel sacco nessuno. Chi ha messo nel sacco Obama sono la FED e Bernanke che sono i veri padroni degli USA, TEA Party o non TEA Party