Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

13 ottobre 2011

Resistere fino alle conseguenze estreme

L’odio e l’aggressione contro Berlusconi e il suo Governo, hanno oggi scritto una nuova, bruttissima pagina della storia patria.
Le opposizioni, che per una dozzina di volte hanno preso martellate sui denti alla pari dei “poteri forti” interni ed internazionali e di tutti coloro che hanno tramato e tramano per costringere Berlusconi alla resa, nella incapacità di ottenere i numeri su un progetto e un voto parlamentare, hanno disertato le comunicazioni del Premier.
Un comportamento che, oltre ad essere devastante sul piano istituzionale, è anche sintomo di una totale maleducazione (ma qualcuno si aspetta eleganza e stile dalla sinistra ?).
Berlusconi ha svolto comunque le sue comunicazioni (che mi sono piaciute in toto, soprattutto per la grinta con la quale ha denunciato il comportamento della sinistra e per la perentorietà con la quale ha dichiarato che non si dimetterà)  e, nel momento in cui scrivo, nulla lascia presagire che venga meno la sua maggioranza.
Punto e tutto come prima.
Il problema è che alcuni individui della Maggioranza pensano (sperano) di ottenere dei vantaggi svolgendo il ruolo che fu di Follini, Casini e Fini.
Non posso sapere quale tornaconto sperino di ottenere (a proposito della denuncia di Di Pietro secondo il quale sarebbe il Cavaliere a fare “campagna acquisti” …) sicuramente non hanno una motivazione ideale.
Non l’hanno perché il progetto di Berlusconi è sempre quello: rivoltare l’Italia come un guanto per dare corso ad una rivoluzione liberale in economia fermi restando i Valori di base della Nazione.
Quindi:
- meno tasse;
- meno stato;
- meno spesa pubblica;
- tutela della Vita contro ogni ipotesi di eutanasia e di manipolazione genetica
- difesa della Famiglia composta da un Uomo e una Donna, con netta esclusione di ogni altra anomala forma;
- federalismo perché ognuno fruisca dei servizi che vengono erogati nel territorio che produce il reddito;
- tutela della identità nazionale dei territori, dei costumi, dell’arte, della cucina respingendo il meticciato che deriverebbe dalla concessione massiva di cittadinanza e diritto di voto agli immigrati.
Non credo che il Centro Destra possa avere altro programma o migliore e, nelle attuali contingenze internazionali, non esiste miglior interprete di Berlusconi.
Tolta quindi ogni ipotesi di idealità ai malpancisti della Maggioranza, resta solo l’interesse personale e mi domando se mettersi in concorrenza con un esercito di aspiranti "salvatori della patria" (tra l’altro di più antica data o con appoggi ben maggiori) possa essere conveniente, salva la volontà di ballare una sola estate per passare immediatamente all’incasso del bonus acquisito mostrando poca lealtà verso il Premier.
Il problema di Berlusconi è tutto qui: resistere, ad ogni costo, fino alle conseguenze estreme, per arrivare a fine legislatura perchè, come indica la borsa che da due settimane registra un confortante recupero complessivo (e chi ha comprato in agosto oggi gode perchè vendendo adesso - salvo ricomprare al prossimo ribasso -  può realizzare guadagni anche significativi …) la crisi finirà (a livello mondiale e indipendentemente da quello che faremo in Italia) e se finirà con Berlusconi Premier, la rielezione del 2013 sarà certa.
Per questo i comunisti e i loro caudatari vecchi e nuovi stanno provando tutto, disperatamente, per eliminare dal gioco il Cavaliere prima che la situazione globale migliori, con il terrore di perdere, ancora una volta, il confronto elettorale se alla scadenza del 2013 Berlusconi sarà ancora in sella.


Entra ne

3 commenti:

Le Barricate ha detto...

Condivido: resistere, resistere, resistere! :)

Josh ha detto...

Ot:

Massimo, tu che hai esperienza, mi potresti spiegare come possano accadere queste cose, legalmente?

Intendo, non ci sono garanzie?

grazie anticipatamente:

http://secure.wallstreetitalia.com/article/1235723/scandalo/bank-of-ireland-in-fumo-i-risparmi-di-200-italiani.aspx

Massimo ha detto...

Josh. Credo che "legalmente" si potrebbero confrontare tesi assolutamente contrapposte, diversamente non ci sarebbero le cause e gli avvocati farebbero la fame :-). Mi permetto solo di dire che spesso leggiamo gli articoli senza andare alla fonte che sono i documenti che firmiamo quando sottoscriviamo un contratto, per trasformare in "diritto" o "certezze" le nostre aspettative e speranze. Comunque quell'articolo mi pare abbastanza equilibrato.