Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

10 marzo 2013

Il cul de sac della persecuzione contro Berlusconi


Il prossimo quindici marzo si riuniranno le nuove camere per eleggere i presidenti e dare così avvio alla liturgia che dovrebbe portare al nuovo governo e, quindi, al nuovo presidente della repubblica.
Appare evidente il cul de sac in cui è impantanata l'Italia e che deriva unicamente dalla persecuzione giudiziaria alimentata dall'odio ideologico che la sinistra ha profuso per venti anni contro Berlusconi.
Qualunque nazione, infatti, davanti a questo risultato elettorale, avrebbe aperto una trattativa tra le due coalizioni più forti, escludendo i massimalisti del nulla guidati da un ex comico (che negli ultimi anni non faceva neanche più ridere e quindi si è dovuto reinventare un mestiere).
A me la "grande coalizione", il "compromesso storico" o come lo si voglia chiamare non piace e mi troverebbe comunque contrario, anche se fosse finalizzata unicamente ad una sola legge elettorale, ma poichè la politica è l'arte del possibile un punto di programma diventa necessario con il voto congiunto dei due maggiori partiti: una nuova legge elettorale che abbia un meccanismo tale che consenta una maggioranza omogenea nelle due camere.
L'unica modifica possibile è adottare il collegio unico nazionale per l'attribuzione del premio di maggioranza anche per il senato, accompagnandolo con la decadenza immediata e automatica dei parlamentari che cambiassero casacca in corso di legislatura.
Questo solo si chiede ad un "governo del re", votato da Centro Destra e sinistra, guidato da un extraparlamentare (meglio se extraterrestre ...) per poi riportarci al voto.
I comunisti, però, sono vittime del loro stesso odio ideologico e pongono un veto a trattare con il PdL di Berlusconi.
Naturalmente il PdL non può accettare che un altro partito detti una simile condizione e ponga veti sul proprio leader.
Così come non si può accettare senza reagire la continua persecuzione, arrivata al punto da mandare la visita fiscale in ospedale (cosa che non accade neppure nelle aziende nei confronti dei dipendenti in odor di essere lavativi e fannulloni !), nei confronti del Cavaliere.
Non si può accettare che una persona, per il solo fatto di aver impedito l'arrivo dei comunisti al governo, sia continuamente aggredita con processi e teoremi.
E' un dovere morale, prima ancora che politico, fare quadrato intorno a Berlusconi (come ognuno di noi, spero, lo farebbe per qualunque suo amico) difenderlo al di là e indipendentemente da qualsivoglia sentenza e da qualsivoglia richiamo alla "responsabilità" da parte di chicchessia.
Il pci/pds/ds/pd, se vuole, può fare ammenda dei suoi errori di questi venti anni, rendendosi disponibile a trattare con il PdL un "governo del re" per modificare la legge elettorale e tornare al voto, magari anche per ridurre tasse e spese, mettendo il futuro governo davanti al fatto compiuto. .
Con Berlusconi, però.
Sennò che si torni al voto a giugno con questa legge elettorale, che si riproponga lo stesso scenario di stallo e che vada pure in mona l'Italia intera, mentre la sinistra pensa solo, perseguitandolo, ad elevare Silvio Berlusconi a Martire della Libertà.



Entra ne

10 commenti:

Nessie ha detto...

Stavolta la vedo dura, molto dura. La sinistra non vuole un accordo per fare poche buone leggi che ci toglierebbero dallo stallo per una semplice ragione: teme l'effetto di contagio con l'imputato Berlusconi, attualmente trattato come un Mubarak qualunque e costretto a umiliarsi e ad andare in tribunale in barrella con bende, tubi, flebo. Questo è uno stato togato atrocemente totalitario, e le Procure sono il braccio armato del NWO e dell'ONU. A un fankazzista come Ingroia, non per nulla, l'ONU diede uno stipendio da Nababbo in Guatamala. A far cosa, non si sa. Ora per fortuna la gente ne ha piene le cosiddette di manettari e il loro partito di forkaioli (k voluta), non è stato nemmeno eletto. Ma costoro non si rassegnano a portare l'Italia alla deriva. E la persecuzione ultraveloce contro Berlusconi ne è la riprova. Della vecchietta di 88 anni assassinata sul pianerottolo di casa da extracomunitari, per pochi euri, a costoro non importa una beata mazza. In quel caso, gli assassini poossono stappare spumante e darsi alla pazza gioia. Anche i processi li vogliono "griffati".

Massimo ha detto...

Non tutto il male vien per nuocere. Se Berlusconi sarà arrestato o, peggio, verrà ucciso dalla mala giustizia, allora il Centro Destra potrà avere un Martire di riferimento che potrà aiutarci tutti ad stare più uniti.

Nessie ha detto...

Sì, ma io sono per la giustizia giusta. Maledetto il Paese che ha bisogno di martiri.

Emanuele Gatti ha detto...

Un martire in una suite di 200 mq...? Ma non siate ridicoli! Si è fatto vedere una sola volta nell'aula di Tribunale..è questo il rispetto per le Istituzioni? Comunque non parliamone più, altrimenti poi dite che noi "comunisti" siamo ossessionati dal Cav. Ha fatto una bella campagna elettorale, lo ricorderemo come il solito venditore di tappeti, ma i suoi 10 milioni di voti, ahimè, non servono a nulla. Fuori dai giochi politici, per lui ci sono solo i processi. Il PD, che ha commesso tanti errori, non farà quello esiziale. Il Paese ha la possibilità di cambiare, finalmente. Altrimenti, elezioni. Lavoro, lotta alla corruzione, meno tasse sulle persone e più sulle cose, cittadinanza per i nati in Italia, riforma della giustizia al servizio dei cittadini e non dei delinquenti con i colletti bianchi, più rispetto in Europa. Un incubo per il sig.Massimo ? Ce ne faremo una ragione.

Massimo ha detto...

Ma chi rispunta ? Signor Gatti, si è rimesso dal risultato elettorale non conforme alle Sue aspettative ? Direi di sì, visto che ha ripreso a propinare la solita fuffa antiberlusconiana non sapendo fare di meglio. Certo, meglio parlare del vuoto come la "lotta alla corruzione" guardando alla pagliuzza negli occhi altrui e non alla trave nel proprio, che affrontare la realtà. :-D
P.S. Non entri in polemica con altri commentatori, non Le passo quel genere di commenti.

Emanuele Gatti ha detto...

Ma a Lei piace confrontarsi solo con chi la pensa allo stesso modo ? E' come parlare al muro, ti darà sempre ragione.
PS Quanto alla polemica con altri commentatori, il blog è suo, le regole le detta Lei, io le osservo. Ma valgano per tutti, per cortesia, e credo che Lei abbia capito a chi mi riferisco.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Ilda impedita, Ilda rossa di rabbia...

Massimo ha detto...

L'ho scritto nel blog di Elly. Navigo in rete dal 1996, quando comprai il primo pc da utilizzare a casa. INizialmente mi piacque l'idea dei forum come momento di discussione, una sorta di assemblea che mi sembrava potesse essere più ordinata. Mi sono dovuto ricredere quasi subito. A sinistra non sapete discutere. Siete privi di quella capacità, di quella intelligenza, di quella cultura che rende piacevole una discussione. E anche proficua. Ho smesso di frequentare siti dove ci sono comunisti che ripetono sempre la stessa storia, la medesima liturgia. Non ho alcuna intenzione di perdere tempo a discutere con loro. Se, come Lei, qualcuno viene a scrivere qualcosa qui senza tracimare, lo passo, ma non credo neppure per un istante che sia utile. Josh ha la facoltà di scrivere in proprio, senza passare dalla moderazione. Come un'altra dozzina di persone. Al loro senso di responsabilità usare questa facoltà.

Emanuele Gatti ha detto...

Sull'intelligenza, stendiamo un velo pietoso. Mi deve spiegare perchè la maggior parte dei laureati vota a sx (la laurea non è uno stimatore corretto dell'intelligenza, ma comunque è la proxy migliore che c'è..). Comunque non voglio seguirLa su questo piano. Non credo siate tutti deficienti o delinquenti; penso che se parlate tra di voi, riceverete solo conferme, e degli eventuali errori non vi accorgerete mai. Penso anche che se uno apre un blog ai commenti non lo fa solo per sentirsi dire quant'è bravo, dalla sua dozzina di aficionados. Questo Le dovevo, per chiarezza. Non La importunerò più. Mi stia bene, anche se capisco che la sua vita è un inferno, con tutti quei comunisti attorno.

Massimo ha detto...

Anche Giannino diceva di avere due lauree e un master :-). In ogni caso Lei ha dimostrato il mio ragionamento senza averlo compreso. E' tempo perso discutere con i comunisti.