Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

21 agosto 2018

Cinquanta anni fa l'invasione comunista a Praga


Cinquanta anni fa chiunque sapesse connettere le cellule del cervello, avrebbe avuto una nuova dimostrazione che il comunismo, il socialismo reale, cioè messo in pratica, altro non è che la peggior tirannia, violenta, oppressiva e omicida.
La Cecoslovacchia aveva cercato di affrancarsi dal comunismo che già nel 1956 aveva soffocato nel sangue l'anelito degli Ungheresi alla Libertà.
Il risultato fu lo stesso, l'invasione dei carri armati e la soppressione anche di quel minimo di libertà portata da Dubcek.
Sttanamente, ma non troppo, questo importante e significativo anniversario viene insabbiato dal catto sinistrume nostrano così pronto, peraltro, a compulsive manifestazioni quando devono celebrare, spesso travisandole, date ben più remote nel tempo.
La ricorrenza non è passata inosservata nel sito di Marcello Veneziani che, meritoriamente, continua a ricordarci quello che furono i comunisti e che oggi si ritrovano, in un abbraccio fraterno con democristiani e socialisti e tutto il vecchio "arco costituzionale", in quel contenitore che è il pci/pds/ds/pd, con le sue politiche da predatori dei nostri risparmi e da devastatori della nostra Identità Nazionale.
Un modo differente, ma uguale nei fatti, per opprimere un Popolo e scardinare una Nazione.
Ieri l'invasione dei carri armati, oggi l'invasione dei clandestini.






Entra ne


20 agosto 2018

La foglia di fico dell'unità


Sabato avevo acceso la  televisione per guardare la prima di Campionato tra Juventus e Chievo, ma sono rimasto "incantato" dalla conferenza stampa del presidente e dell'amministratore delegato di Austostrade.
Con un cipiglio e una faccia di bronzo che si tramutava ad ogni parola in una faccia che chiamava gli schiaffi, hanno negato responsabilità e rifiutato di chiedere scusa, sgusciando sul territorio della "comunicazione" mal riuscita.
Un ponte, la cui manutenzione e agibilità erano loro affidate, è crollato: quali responsabilità devono essere accertate ?
Sono arrivati a dire che il ponte non l'avevano costruito loro, talchè ne La Verità di domenica ha avuto buon gioco Mario Giordano ad ironizzare chiedendosi se costoro pensavano di chiedere un risarcimento agli eredi del defunto ingegner Morandi.
Ma presidente e amministratore delegato ci hanno solo messo la faccia, peraltro ben pagata proprio per queste occorrenze, mentre i veri responsabili sono coloro che, nell'ambito dei vari giochi tra politica e finanza, hanno creato il sistema delle concessioni dove a guadagnarci è solo il concessionario.
Il Popolo lo ha capito e, con un ribaltone rispetto al solito, ha subissato di fischi altri due poveracci che ci hanno messo la faccia per conto terzi (il lugubre segretario reggente Martina - del resto chi, se non lui, ha la faccia più adatta per partecipare a dei funerali ? - e l'ex ministra della difesa Pinotti che credo sia genovese) mentre Salvini e Di Maio sono stati accolti da applausi scroscianti.
Chi non lo ha capito è la chiesa che, con Bagnasco, ha fatto presto, dimentica di tutti i suoi scandali e scandaletti, ad ergersi a censore con richieste di celerità (considerati i tempi della chiesa è una barzelletta che un vescovo chieda celerità allo stato !) e con la solita pappardella dei ponti da costruire che, tutti i commentatori hanno interpretato anche in chiave immigrazionista, a dimostrazione che la chiesa persegue comunque i suoi fini e non gli interessi degli Italiani.
E poi il richiamo a voci unificate (Mattarella, Bagnasco, Martina) di accantonare i dissidi e agire uniti per la rinascita.
A me è sembrato riecheggiare nelle loro parole il discorso che fece Craxi in parlamento a sua difesa, prima dell'autorizzazione a procedere, con il quale di chiamavano a correi anche tutti gli altri partiti.
Tutti colpevoli, nessun colpevole.
Tutti uniti e avanti come prima ?
Eh no, troppo facile.
Infatti sabato, nel giorno dei funerali e del lutto di stato, ha fatto notizia più delle chiacchiere di chi ha parlato, il silenzio di chi di solito rilascia interviste: Salvini e Di Maio.
Per loro hanno parlato i fatti: l'avvio dell'iter di revoca delle concessioni alla società dei Benetton e ulteriori importi alla Liguria ed a Genova per l'emergenza, di cui ha dato conto un sobrio Toti.
No, non sono tutti uguali e proprio per questo non deve esserci alcuna unità forzata.
Perchè come nel 1992 il Movimento Sociale Italiano e la Lega erano al di fuori del sistema delineato da Craxi, nel 2014-2018 la responsabilità ricade esclusivamente in capo a chi ha agito, cioè ai governi del pci/pds/ds/pd e agli accordi sottoscritti con la società dei Benetton.
Tanti i colpevoli da punire in base alle loro responsabilità, chi con salatissime multe (che per alcuni forse fanno male più di qualche anno in galera),  e chi con la bocciatura alle urne e con l'interdizione, per via elettorale, dai posti di governo per impedire che faccia altri danni. 




Entra ne


19 agosto 2018

Dal lutto la spinta per reagire


Sulla tragedia di Genova ha già scritto tutto Marcello Veneziani ne Il Tempo del 17 agosto.
Noi da quella tragedia dobbiamo trarre la forza per reagire.
Non dobbiamo chiuderci nel dolore, ascoltando le frasi trite e ritrite, dei demagoghi del lutto e degli anniversari luttuosi.
Non dobbiamo lasciarci demoralizzare nè da lugubri personaggi come Martina, nè dalle urla arroganti di Renzi.
Per questo, contrariamente alla maggioranza delle dichiarazioni, sono d'accordo con la scelta della Lega di fermare solo le partite delle genovesi e far iniziare il Campionato.
Le vittime si onorano punendo tutti i colpevoli (e saranno tanti, ognuno per la sua parte, anche se i principali sono quelli che più hanno guadagnato da tutto ciò) senza attendere i tempi biblici delle sabbie mobili giudiziarie.
E chi sopravvive deve trovare la forza per reagire alle avversità che non sono figlie del Fato, ma conseguenze dell'aver affidato le sorti dell'Italia ad una decina di famiglie che, con i loro mass media, i loro soldi, i loro sodalismi, hanno pesantemente influenzato le scelte politiche ed economiche della Nazione, spingendoci in un ruolo di sudditanza in Europa.
Si reagisca e si spenda tutto quello che si deve spendere per affrancarci dall'Europa, dalle consorterie affaristico finanziarie nazionali ed internazionali.
Probabilmente la TAV è cosa buona e giusta, ma ancora di più è cosa buona e giusta mettere in sicurezza, fare adeguata manutenzione o abbattere e ricostruire le infrastrutture esistenti che praticamente sono vicino alle case di tutti noi.
Certo che i potenti di oggi e di ieri che percepiscono il rischio di vedersi sfilare la cornucopia Italia faranno resistenza, lanciando contro Salvini e Di Maio tutta la forza dei loro mass media.
E spetterà a noi continuare a sostenere la linea di questo governo anche se alcune scelte non potranno piacerci, perchè quel che conta è tagliare  i lacci e lacciuoli che rendono il governo della nostra Nazione suddito dei potentati economici circoscritti in poche famiglie che fanno da tappo ai veri imprenditori senza santi in paradiso.





Entra ne


18 agosto 2018

L'occasione


Credo che una serie di circostanze favorevoli, combinate con alcune tremende tragedie, possano costituire l'occasione, forse irripetibile, per far rinascere l'Italia.
Le elezioni del 4 marzo hanno decimato i partiti maggiordomi dell'Europa e delle sue varie consorterie, smentendo e sbugiardando il ruolo dei mass media come costruttori e guide dell'opinione pubblica.
E' nato un governo fuori dagli schemi tradizionali, sulla base di un contratto e non di un'alleanza, che ha la maggioranza in parlamento e tra il Popolo.
I primi atti del Governo hanno profondamente scontentato e hanno rappresentato una chiara rottura con gli ambienti del potere economico e religioso italiano e anche con quello politico europeo.
A maggio si svolgeranno elezioni per il parlamento europeo che vengono viste con grande timore da chi, fino ad oggi, ha fatto il bello e il brutto tempo nel nostro continente.
Eventi luttuosi come il crollo del ponte a Genova e, appena una settimana prima, l'incidente che ha demolito un raccordo a Bologna, obbligano a interventi non di semplice facciata ma particolarmente incisivi.
La somma di tutto ciò significa che l'Italia, oggi, il Governo Italiano, oggi, può imporre una spesa maggiore, da scomputare dai famosi limiti europei, senza trovare opposizioni, almeno sino a maggio, quando potrebbe essere troppo tardi per le consorterie economiche e finanziarie.
Un programma di intensa ricostruzione del territorio e delle infrastrutture, unito alla famosa flat tax, da SUBITO e per TUTTI e all'abolizione della Fornero, solleverebbe il morale degli Italiani che realizzerebbero che, oggi, possiamo nuovamente tornare a sognare.
Salvini e Di Maio ci pensino bene, prima di accettare interventi "prudenti" o "moderati", perchè la prudenza è solo la paura che cammina in punta di piedi, mentre il moderatismo è passato di moda ed è sepolto nel mausoleo di Arcore.





Entra ne


17 agosto 2018

No allo stato imprenditore


La tragedia di Genova ripropone, come corollario alla legittima e giusta decisione di revocare la concessione alla società dei Benetton, senza attendere i tempi biblici della cosiddetta "giustizia" e senza alcun indennizzo, l'intervento dello stato come imprenditore, in questo caso come concessionario della rete autostradale.
Segue le tentazioni di fare altrettanto con l'Ilva e soprattutto con Alitalia.
Ma lo stato non deve fare l'imprenditore, perchè sappiamo benissimo come andrebbe a finire: la creazione di immensi carrozzoni clientelari, dove verrebbero assunti i protetti di parlamentari e ministri anche quando non ce ne fosse alcun bisogno.
Lo stato non può garantire quella efficienza che è propria di un privato, perchè lo stato agisce attraverso i suoi organi che sono elettivi e, quindi, molto sensibili alla possibilità di acquisire riconoscenza che si trasformano in voti.
Al contrario, lo stato dovrebbe dismettere anche quello che ha.
A cominciare dalla rai, per arrivare all'ultimo acquisto, quel Monte dei Paschi che si è rivelato un bagno di sangue per noi contribuenti, perchè dei 6-8 miliardi che Renzi e Gentiloni vi hanno buttato dentro per salvare il carrozzone, almeno metà si sono già volatilizzati con la quotazione di borsa.
Lo stato, invece, deve essere terzo e controllore per far rispettare le regole e tutelare i beni più preziosi dei cittadini: la Vita, la Salute, la Sicurezza, il Risparmio.
Se lo stato diventa parte in gioco, non sarà mai affidabile come controllore, ma se lo stato non entra in campo, sarà un ottimo e severo giudice.
Può capitare che lo stato debba, provvisoriamente e a termine, entrare in qualche azienda o attività, ma deve avvenire sulla base di regole certe che implichino l'impossibilità di spendere più di quello che l'azienda ha.
Nella fattispecie, lo stato deve revocare la concessione alla società dei Benetton e può, nelle more di un nuovo bando per privati, assumere in proprio la gestione della rete autostradale.
Ma solo finchè, svoltosi un bando regolare senza contratti segreti, la concessione venga affidata ad uno o più gestori privati.




Entra ne


16 agosto 2018

Ma chissenefrega dello spread ?


Ci risiamo.
Agosto, mercati movimentati da poche operazioni, mirate ed eseguite da squali della speculazione.
In Italia, dopo sette anni, c'è un Governo che risponde al Popolo e non ai burocrati di Bruxelles ed ecco che riappare, rilanciato dalla stampa serva e interessata a danneggiare il governo populista, danneggiando nel contempo l'economia nazionale, la divinità montiana dello "spread".
Al quale dovremmo inchinarci tremebondi, rinunciare alla nostra Sovranità, alla nostra Indipendenza, alla nostra Dignità.
Il novello Moloch del terzo millennio, vuole un nuovo sacrificio di sangue, dopo quello pagato dalla Grecia e punta sull'Italia che ha bocciato nelle urne il favoriti della feroce divinità.
Come nel 2011, l'obiettivo è sostituire al Governo voluto dal Popolo, un fantoccio, maggiordomo del dio.
Ma diversamente dal 2011 si opera in un contesto differente.
Intanto la più potente nazione del mondo ha un presidente differente, ugualmente inviso al dio, tanto quanto il precedente ne era succube.
Poi chi è al governo in Italia non ha aziende da lasciare in eredità, quindi non è ricattabile.
Poi gli Italiani hanno capito che lo spread è l' "uomo nero" di quando eravamo bambini, agitato dai genitori (e adesso dalla matrigna Europa) per farci stare zitti.
Questa volta non resteremo in silenzio, perchè abbiamo perso sette anni, nei quali, anche con i nostri soldi, la banca centrale europea ha comprato a mani basse titoli di stato, mentre noi siamo stati ad implorare la "concessione" di indebitarci di uno zero virgola in più, inutile per intervenire con forza per rilanciare l'economia, utile solo a sperperi clientelari nel tentativo (fallito) di conquistare un voto di conferma al potere per i maggiordomi di Bruxelles.
La tragedia di Genova ha scatenato la caciara della stampa serva, con la liturgica ricerca del colpevole e gli ammonimenti su manutenzione e controlli.
Con quali soldi se proprio i beniamini di chi chiede manutenzione e controlli li hanno spesi per tutt'altre finalità, di gran lunga meno importanti ?
Quanti soldi sono stati buttati per pattugliare il Mediterraneo non al fine di proteggere i nostri confini, ma per raccogliere e trasportare naufraghi seriali, provenienti non da uno o due naufragi, fatalità che impone la massima solidarietà, ma da dieci, cento, mille imbarcazioni mandate allo sbaraglio proprio perchè c'erano i "salvatori", con scritto in fronte "Jocondor" ?
Quanto per il trasporto in Italia, l'alloggiamento in Italia, le cure in Italia, l'istruzione in Italia, il mantenimento in Italia di quei disgraziati trasformati dai loro aguzzini in armi lanciate contro di noi ?
Quanto c'è, nelle pieghe dei bilanci dello stato e degli enti locali, in elargizioni ad associazioni private come l'Anpi e circoli pseudoculturali di ogni sorta ?
Quanto c'è, nelle pieghe del bilancio dello stato, di finanziamenti a giornali che predicano la legge di Mercato (per gli altri) ma per se stessi chiedono sconti e agevolazioni ?
Quanto c'è, nelle pieghe dei bilanci, di elargizioni a "nani e ballerine", per produrre film e spettacoli che interessano uno spicchio limitato di cittadini e poi "dopo soli pochi mesi dalla prima in sala" vengono trasmessi in televisione (come recita una pubblicità che non si rende conto di certificare un flop, visto che se il film avesse avuto successo, non sarebbe rimasto in sala solo pochi mesi) ?
La vera "spending review" non è quella di Cottarelli che tagliava là dove avevano interessi i burocrati di Bruxelles e continua a girare le trasmissioni parlando contro la riduzione delle tasse o l'abolizione della Fornero perchè troppo onerose, la vera spending review è la soppressione di tutte quelle miriade di voci che si sono accumulate nel tempo, come una rendita perpetua.
Sì, lasciamo fare al Mercato e se un giornale non ha lettori, non raccoglie pubblicità, non vende, allora è giusto che chiuda, così come è giusto che un flop al cinema o a teatro o culturale sia pagato da chi lo produce o non veda proprio la luce se chi lo produce non è in grado o non vuole anticipare i costi, evidentemente non avendo fiducia nel prodotto.
E che dire delle altrettante miriadi di sovvenzioni, sotto varie voci, ma tutte finalizzate al sostentamento di chi perde un lavoro o di chi ha un reddito insufficiente per una vita dignitosa ?
Quindi i soldi ci sono per tagliare le tasse, per rottamare la Fornero e anche per rivedere tutto il sistema solidaristico per chi perde il lavoro o non riesce a trovarlo pur cercandolo (non certo per chi pensa di incamerare soldi, spassandosela sulle spalle altrui) che, se vogliamo possiamo chiamarlo "reddito di cittadinanza" (meglio "reddito di nazionalità" perchè dovrebbero essere esclusi coloro che non sono Italiani).
E se nella fase iniziale non bastano, Bruxelles non ha alcun titolo per impedirci di fare debito per gli interessi dell'Italia e degli Italiani, come possono essere opere pubbliche essenziali quali strade, ponti e ferrovie, con le loro manutenzioni.
Lo spread è la favola inventata per tenerci sottomessi e impedire che la creatività, la fantasia e lo spirito Italiano possa innescare un nuovo Rinascimento che, non a caso, partì da un'Italia che, pur divisa, ricercava una propria autonomia nelle "piccole Patrie" locali.
Se ci facciamo trattare da sudditi, resteremo sempre dimessi e impoveriti.
Ma se avremo il coraggio di liberarci dal giogo di Bruxelles, riacquisteremo, con la nostra Sovranità e Indipendenza anche Dignità e Libertà.
Anche di costruire e far funzionare le nostre infrastrutture.



Entra ne


15 agosto 2018

Da che parte sta Forza Italia ?


So perfettamente che molti risponderanno: con l'inciucio assieme a Renzi.
Lo penso anch'io.
Non si distinguono le invettive dei forzitalioti da quelle dei pidioti se non per le stridule tonalità delle voci femminili della Gelmini e della Carfagna.
In televisione ormai sono intercambiabili e anche i conduttori antigovernativi (tutti) hanno capito che possono indifferentemente invitare Marattin o Cattaneo, aggiungendo un finto esperto (magari un loro collega giornalista di qualche testata del "salotto radical chic") e così mettono sistematicamente in condizione di inferiorità numerica chi interviene (uno e uno solo, sempre !) per il Governo.
Non mi è particolarmente piaciuto il signor Malan, con la dichiarazione letta durante il gr1 straordinario di ieri sul disastro genovese, con la giornalista che dopo averla menzionata ha, lei stessa, interpretato le parole come una  accusa ... a chi ?
Con una serie di parole evidentemente ricercate e con frasi appositamente congegnate, ha lasciato percepire che la colpa del disastro è della incapacità di chi amministra.
E poichè un veloce ascolto porta ad assentire e a ricordare che chi governa adesso in Italia è la Lega con i Cinque Stelle e in Liguria e a Genova, ancorchè da poco, è l'ala di Forza Italia più disponibile all'alleanza con la Lega, ecco che la percezione che si acquisisce è di accusa a Lega e Cinque Stelle.
Neanche il pci/pds/ds/pd ha, in questa fase iniziale, pronunciato parole differenti dalla solidarietà alle vittime (anche se sicuramente darà fuoco alle polveri della propaganda).
E allora la risposta alla domanda posta nel titolo è ancora più chiara: Forza Italia sta con chi vuole finire l'opera di sfasciare l'Italia che ha perseguito per sette anni, consegnando la Nazione al cattosinistrume, agli immigrazionisti, agli industriali che non vogliono provvedimenti di riequilibrio in un mercato del lavoro sempre più spietato, impersonale e disumanizzante e preferiscono raccontare la barzelletta di "scendere in piazza", magari assieme alla cgil e al pci/pds/ds/pd+Forza Italia.
Come si può, quindi, pensare ad allearsi, in Abruzzo come altrove, con questa Forza Italia che boccia Marcello Foa come presidente rai (e io allora proporrei Gomez o Travaglio, vediamo se il Cav ne sarebbe lieto !) e critica Salvini persino su una proposta sensata, vista la maleducazione dilagante, del ripristino del servizio militare obbligatorio ?






Entra ne


14 agosto 2018

Rieccoli !


Mi piacerebbe sapere quale sia la professione di chi, perennemente, è in crociera nel Mediterraneo a pesca di clandestini.
Come si mantiene ?
Come mantiene la sua famiglia ?
Perchè il tempo che occupa nel "volontariato", ovviamente, non può essere retribuito, diversamente si potrebbe parlare di mercenari.
Con l'arrivo di Salvini al Ministero dell'Interno sembrava che le navi delle ong avessero abbandonato il nostro mare, invece, rieccoli !
Più arroganti e strafottenti che mai, anche perchè possono contare su autentici geni come De Magistris che li invita a dirigersi verso Napoli per accoglierli, salvo poi piattire finanziamenti per alloggiarli, curarli e nutrirli.
Un paio di barche quindi continuano ad interferire con la legittima azione dissuasiva del Governo Italiano ed è evidente che stanno cercando l'incidente che faccia notizia in tutto il mondo.
Ma loro e solo loro saranno i responsabili di eventuali disastri, perchè Salvini e il Governo fanno solo quello che la maggioranza di noi Italiani desidera e quello che qualsiasi governo degno di tale qualifica deve fare: difendere i confini della Patria dalle invasioni.





Entra ne


13 agosto 2018

La rivincita di mamma e papà


Salvini continua ad essere in piena sintonia con il suo elettorato.
Adesso è la volta di una controrivoluzione a costo zero: il ripristino della dicitura "madre" e "padre" sui documenti, al posto dell'aberrante, politicamente corretto e corrotto "genitore 1/2".
Sono ovviamente insorte le associazioni omolatre e la sinistra che prende il degrado morale per diritto civile.
Ma la Natura non può essere presa in giro e per quanto ci siano magistrati che credono di sedere allo stesso tavolo di Dio, neppure loro riusciranno mai, facendo accoppiare due persone dello stesso sesso, a far sì che concepiscano e procreino un bambino.
Qualora ciò accadesse, allora si potrà parlare di "nuove famiglie", per ora la Famiglia resta una e una sola, composta da un Uomo e una Donna, con gli eventuali figli da loro concepiti e procreati.
Il resto è Mercato (utero in affitto) cioè un semplice contratto di compravendita, peraltro vietato in Italia, che soggiace alle leggi di Mercato ma che non costituisce una Famiglia.

P.S.: e sono anche curioso di vedere come si posizionerà Forza Italia, stranamente silente dopo la decisione di Salvini. Anche in questo caso si appiattirà sulle posizioni del pci/pds/ds/pd o troverà un guizzo residuale e finale di orgoglio e dignità per approvare la scelta del Leader del Centro Destra ?






Entra ne


12 agosto 2018

Che gusto, vederli rosicare !


I quotidiani e le trasmissioni di presunta informazione di radio e televisioni, sono pieni di fosche previsioni, che rappresentano però il sogno degli stessi partecipanti, tutti desiderosi di veder fallire il governo giallo-verde.
Leggerli, ascoltarli e vederli rosicare in televisione mi appaga.
Lo ha scritto anche Veneziani nel già citato La Lega dei Fratelli d'Italia quando scrive "c’è la soddisfazione nel vedere i perdenti, la sinistra squagliata, l’establishment colto da lievi crisi di panico, i Papi, i Presidenti, gli Illustrissimi che fanno l’opposizione… È un po’ il piacere sadico che provammo con la vittoria di Trump, che fu sopratutto la sconfitta di quell’America padrona, di quelle 4 o 5 famiglie che comandano, di quel mondo liberal, radical, affetto da razzismo etico e culturale.".
E se Veneziani poi prosegue domandandosi se "basta la soddisfazione di vedere i perdenti per gioire dei vincenti al governo?" (la risposta, ovvia, è no, ma è comunque qualcosa di meglio rispetto a quello che avevamo prima) è impagabile la faccia che un ospite perenne (forse avrà un contratto da comparsa) di Sky Tg24 Economia mostra ogniqualvolta è presente.
Si tratta di tal Marattin (o forse Barattin, ma credo sia con la "M" e così lo scrivo di seguito), ora parlamentare del pci/pds/ds/pd, renziano inossidabile al di là di ogni evidenza e per cinque anni a Palazzo Chigi come consigliere economico dei vari presidenti che si sono succeduti (personalmente, visti i risultati, avrei detto a simili consiglieri: grazie, accomodatevi in panchina  perchè so sbagliare da solo e non li avrei certo gratificati con il seggio parlamentare, ma forse è così che quel partito intende darsi la "bella morte").
Questo Marattin, dunque, quando era a Palazzo Chigi si presentava tronfio e ottimista sul futuro, accusando le opposizioni di essere menagrami e adesso non perde occasione per preconizzare lui sfaceli di ogni genere e si vede chiaramente che, ogni giorno, si reca in pellegrinaggio in qualche santuario per chiedere la grazia che vengano esaudite le sue gufate.
Al confronto, un onesto e concreto padano come il sottosegretario Galli, ha fatto la figura del concreto oste di trattoria, replicando con chiara semplicità, senza andare sopra le righe, senza isterie, come se si trattasse del Gigante buono della pubblicità che affrontava con grande tranquillità il perfido Jocondor.
Ecco, in simili circostanze sì che "basta la soddisfazione di vedere i perdenti".
Poi, certo, l'auspicio è che Salvini metta in pratica quel che afferma e sembra che i fatti seguano le parole.
E' accaduto con l'immigrazione, sta accadendo con la Famiglia e il ritorno di mamma e papà, vedremo a novembre se sarà così anche per la flat tax e la rottamazione della Fornero che, se avessero un impatto da subito, anche solo iniziale, rappresenterebbe una autentica soddisfazione, a prescindere dalla faccia di tutti i Marattin d'Italia e del mondo.





Entra ne