Ciò che è bene per la sinistra è male per l’Italia. Ciò che è male per la sinistra è bene per l’Italia.

Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com
Si devono intraprendere le guerre per la sola ragione di vivere senza disturbi in pace (Cicerone)

No alla deriva

No alla deriva
Diciamo NO alla deriva

20 aprile 2010

Fini:se ne vada,volontariamente o coattivamente

Parole arroganti e supponenti, questo recepisco dalle prime notizie di agenzia in ordine alla riunione dei parlamentari finioti o presunti (spero per loro) tali.
Come fa uno a dire che “non toglie il disturbo” ?
Non c’è un detto: stare in Paradiso a dispetto dei Santi ?
E i “santi” in questo caso sono i milioni di elettori del pdl ai quali Fini ha ormai rotto le scatole con le sue continue esternazioni che danneggiano il Governo e ne intralciano l’azione.
E come si permette di dire “niente elezioni” ?
Se lui fa mancare il sostegno ai provvedimenti del governo (e con uno squallido atteggiamento sembra voler far sapere che la fronda potrebbe materializzarsi proprio sulla giustizia) cosa vuol fare ?
Un governo da “comitato di liberazione nazionale” assieme ai Di Pietro, ai De Magistris, ai Bersani, ai Franceschini, alle Bindi, ai Grillo, ai Casini ?
E, infine, tocca il fondo quando critica Berlusconi sulle opinioni espresse in ordine a Saviano.
Come si fa ad ergere un Saviano a simbolo della lotta anticamorra, quando si è limitato a romanzare dei fatti (incassandone i diritti di autore) e criticare un Premier preoccupato che si proietti una immagine negativa dell’Italia, descrivendo la mafia, invece di informare sui successi della lotta alal criminalità organizzata ?
Domenica ne “Il Riformista” Giampaolo Pansa – che sicuramente non è uno stipendiato o un sostenitore del Premier – ha tratteggiato un ritratto di Fini che, unito a quanto ha spiegato con la consueta arguzia Veneziani ne “Il Giornale”, dovrebbe indurre il presidente pro tempore della camera a rassegnare le dimissioni e non chiedere più alcun consenso popolare.
Bene ha detto uno dei parlamentari a lui più vicini, Roberto Menia quando ha descritto come non condivisibili le esternazioni laiciste e sulla cittadinanza agli immigrati di Fini.
Berlusconi accetta il dissenso e lo ha dimostrato anche con la pazienza, di Giobbe, che ha avuto con lui.
Ma ad un certo punto è ora di dire basta e di tagliare il nodo gordiano della presenza di un Fini all’interno di un Centro Destra di cui non rappresenta e condivide più i Valori fondanti.
Non sono un elettore del Pdl e non lo sarò finchè Fini resterà nel partito, ma se per liberare il Centro Destra dalla sua presenza dovessi iscrivermi al Pdl per votare al futuro congresso, allora lo farei volentieri.


Entra ne

4 commenti:

Eleonora ha detto...

Vale persino meno di un qualsiasi partitello comunista.

Ah, a proposito... fatto caso che Montezemolo lascia la Fiat? A volte le coincidenze...

Nessie ha detto...

Certo che Gianfuffa fa sempre più schifo. Più che il senso del pudore (cui del resto fa difetto) è affetto da totale senso del ridicolo e da una reiterata mancanza di dignità.
Ora il passo successivo per il Cav e tutti gli altri del PdL è sancirne l'espulsione. Non si può più tollerare che costui (pagato dalle oligarchie internazionali per fare lo sfasciacarrozze, ormai è chiaro anche ai sassi) continui a star dentro causando danni su danni. Il governo ha un agenda da rispettare e non può occuparsi delle sue ubbìe di bassa cucina.

gio88 ha detto...

La conta è fatta, 52 sono con gianfrego. Bene, dato che ora senza i finioti alla camera non c'è più una maggioranza (e invece c'è al senato), si rispolveri l'articolo 88 della costituzione e si vada a votare solo per la Camera. Vediamo questi signori quanto valgono alle urne. Vediamo... Scommettiamo che prenderanno meno di quanto prese Storace nel 2008?

Jetset - Libere Risonanze ha detto...

Ciao Massimo, un giorno mi dicesti che Berlusconi era una specie di Casini. Oggi hai visto come ha trattato Fini, è il personaggio più vicino ai valori della destra in circolazione, ora sei convinto della forza e della determinazione del nostro leader? Grandeeee!